Gruppo del Fareassieme

Utenti, operatori e volontari dei servizi di salute mentale realizzano attività insieme
Abbiamo bisogno di umanità e confronto

<< C’è una ragnatela, un tessuto connettivo fatto di tanti elementi a cui l’immaginario salottiero difficilmente pensa, ma che sono essenziali perché il curare sia un buon curare.
Quello del fareassieme è un curare plurale, dove certo ci sono medici e infermieri, ma dove ci sono anche il sapere e le risorse del “matto” e dei suoi familiari, ci sono i cittadini e gli studenti, i vicini di casa e i compagni di lavoro: un puzzle di relazioni paritarie che fa intravedere un welfare più ricco di relazioni >>

– Renzo De Stefani

Due sorrisi sono meglio di
cinque gocce di valium
RELAZIONE
Un buon giardiniere
si prende cura anche delle radici
CURA
Partecipo
ergo sum
PROTAGONISMO
Puoi seguirci sui social